Archivio tag: Sindaco

proteste__turchia

A Istanbul si combatte. A Atene si muore. Invece a Palazzo Vecchio?

Comunicato politico 16 giugno 2013.

A Istanbul si combatte. A Atene si muore. Che cosa accade invece a Palazzo Vecchio?

grecia-fame

A Istanbul si combatte per la libertà: esprimiamo solidarietà ai resistenti e alle comunità turche che risiedono nella nostra città e partecipano con dolore a quanto accade nel loro paese.

A Atene si muore per la distruzione del lavoro e della sanità. Neppure i diritti dell’infanzia appaiono tutelati.

A Firenze, già culla di una cultura cosmopolita, città-mondo solidale ancora ai temi dell’amministrazione La Pira, capitale culturale legata da ragioni storiche e simboliche a Istanbul e Atene, l’amministrazione è del tutto incapace di pronunciarsi su temi che non siano miseramente demagogici e locali. Questa amministrazione mente alla città e dissimula la propria inazione.

L’amministrazione di Matteo Renzi ha trasformato la cultura in uno sfoggio di opulenza classista e provinciale, negandola come pratica di cittadinanza. Ha concesso ai privati ogni iniziativa, curando clientele, rifiutando ogni trasparenza nell’assegnazione di incarichi, accollandosi costi e lasciando profitti. Ha trasformato i CdA delle Fondazioni in club privati di affaristi ben remunerati, al servizio di un unico candidato. Ha patteggiato con i più logori oligarchi romani del PD il destino della città, scambiando appoggi in cambio di sostegno per la liquidazione delle più importanti istituzioni culturali cittadine. Ha procurato una versione distorta di eredità culturale e patrimonio lanciandosi in campagne dilettantesche e fallimentari, come la ricerca del “Leonardo perduto” a Palazzo Vecchio o la “costruzione” della facciata della chiesa di San Lorenzo. Si è disinteressata ai temi dell’istruzione, e ha trascurato gli arredi urbani e i luoghi per piccoli e anziani. Ha fallito miserevolmente nei progetti infrastrutturali, e nell’impiego di risorse comunitarie.

Sarebbe semplice, se inseguissimo la mera denuncia o la facile denigrazione, contestare l’inettitudine di un’amministrazione oggi indagata per sordidi traffici sessuali condotti all’interno del mura di Palazzo Vecchio. Basta questo per rivelare quanto ai vertici cittadini prosperino costumi di arroganza, indisciplina, privilegio, incuria del bene comune. E’ oggi ragionevole temere, come cittadini, di essere ostaggio di un’amministrazione collusa e ricattabile, dagli appetiti illegittimi e ingordi, saziati da non sappiamo chi e a quale prezzo per la collettività.

M5S sceglie di lasciare alla magistratura l’accertamento degli illeciti, e di non cavalcare un’indignazione scandalistica e prepolitica. M5S intende invece contestare già adesso la piena inadeguatezza etico-politica di amministratori opportunisti, ambiziosi e mediocri.

M5S è un movimento politico impegnato a immaginare un futuro di equità e giustizia. Oggi M5S tiene a ricordare la vocazione planetaria di una città che ha saputo contribuire alla storia del mondo, e che è patria di tutti coloro credano nell’ingegno, nella giustizia, nella libera parola, nella sfida, nella fioritura individuale e comunitaria, nella partecipazione civile, nella trasparenza e nella solidarietà.

In questo senso esprimiamo la più tagliente condanna di un’amministrazione irresponsabile e incapace, che non governa la città né mostra di avere a cuore la comunità dei cittadini. Asserve invece l’una e gli altri a una campagna elettorale permanente di cui non si vedono beneficio comune né fine.

m5s-firenze

MoVimento 5 Stelle Firenze
Sito: www.firenze5stelle.it  Mail: email hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is required
Mobile: +39.333.467.6.467

Comunicato stampa: le spese del Comune fuori controllo

I cittadini del MoVimento 5 Stelle apprendono preoccupati le ultime dichiarazioni della Corte dei Conti in merito alla gestione finanziaria della giunta Renzi.

L’Organo di Stato  ha comunicato che è stato sforato il Patto di stabilità :” la spesa del personale sfora del 120%, e i costi sostenuti per il personale con contratto a termine, risultano superiori del 50% di quelli effettuati nel 2009. Il tutto aggravato dalla previsione per il 2012 di nuove assunzioni di personale.

Si denota quindi il permanere di una situazione di precarietà finanziaria, e “una reiterata irregolarità contabile”.

Ci chiediamo quale sia il beneficio della linea che ha portato a queste dichiarazioni  e se non si profili un vero e proprio crack economico  per la città di Firenze.

Se si era già palesata la volontà di effettuare tagli alla cultura, allla scuola, all’ambiente e alla manutenzione stradale, vorremo capire verso che direzione vuole andare l’amministrazione .

Perchè si continuano gli investimenti nel personale della macchina comunale, piuttosto che quelli nel  sociale e nella conservazione e il rilancio dei servizi  per la collettività?

Perchè la fondazione di Renzi investe dieci milioni di euro nei fondi del finanziere Serra,  invece che riparare le logorate tubature del capoluogo fiorentino ? O ristrutturare gli intonaci del soffitto del  liceo fiorentino Galileo? O quello della MicroPiscina del quartiere dell’Isolotto il cui crollo ha provocato delle ferite  a cinque bambine? 

Crediamo che i cittadini di Firenze abbiano diritto a  una gestione  della spesa pubblica trasparente,  condotta senza irregolarità,  e finalizzata in primis alla salvaguardia delle esigenze locali  della comunità.

 

Il provocatore si confronti nelle istituzioni !

Noi cittadini del MoVimento 5 stelle Firenze, vorremmo rispondere  all’ultima provocazione mediatica lanciata da Matteo Renzi, a proposito di un ipotetico confronto in  tv con Beppe Grillo. 

Innanzitutto ci sembra doveroso chiarire, che l’interlocutore più appropriato a cui rivolgersi sia il MoVimento stesso e tutte le anime che lo compongono.

Il  noto blogger  genovese di fama internazionale, per quanto sia da noi stimato,  diffondendo  i nostri principi dal suo visitatissimo sito, ha esclusivamente la funzione di illumininare grazie alla sua popolarità tutte le nostre iniziative.

Detto questo, crediamo  che piuttosto che con la  tv,  forse il sindaco di Firenze dovrebbe avere come prima preoccupazione quella di  confrontarsi  con le interrogazioni di attualità  che  giacciono senza sua  risposta in Consiglio Comunale, per esempio quella che chiede se ci siano o meno  infiltrazioni di criminalità organizzate negli appalti delle opere fiorentine, e che dopo due anni e mezzo di attesa adesso è un vero e proprio esposto alla procura.

Detto questo, se il candidato premier rignanese punta realmente a un confronto con il MoVimento 5 stelle , potrebbe iniziare a rispondere alle richieste di chiarezza  che i cittadini del MoVimento di Firenze hanno avanzato a lui e alla sua giunta,  attraverso i  numerosi comunicati stampa e i post emessi sul nostro blog durante tutto il suo mandato. 

Non aspettiamo altro.

 

Renzi e la favola “pinocchiesca” del mestiere più bello del mondo

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=Q2QSy2Gq5R8]

 

Il Sindaco Renzi ha iniziato ufficialmente il suo tour elettorale per le primarie.

Non entro nel merito del programma (anche perchè non si può entrare in qualcosa che non c’è!), faccio soltanto due mini-osservazioni.

1) Finalmente è finita la presa per i fondelli durata circa 3 anni secondo cui “io non mi candido… non voglio rottamare per andare io al loro posto… dico che devono andar e avanti le idee… io faccio il sindaco di Firenze che è il mestiere più bello del mondo”;

2) E’ veramente assurdo ed inconcepibile che una persona che ha ricevuto la fiducia di tanti cittadini per ricoprire un ruolo tanto importante ed impegnativo come quello di Sindaco, decida di concorrere per le nazionali (addirittura come possibile candidato Premier) senza prima dimettersi.

Firenze imponga di essere rispettata; Renzi lasci il mestiere più bello del mondo a qualcuno che ci creda veramente!

Alfonso Bonafede – portavoce Firenze 5 Stelle 

 

 

L’Arno rifiutato

 

I cittadini di Firenze sono disperati per lo scempio a cui ultimamente devono assistere osservando il fiume Arno; a causa della siccità infatti il corso d’acqua è in secca e completamente ricoperto di alghe e rifiuti di ogni sorta.

L’impietoso spettacolo che accoglie i turisti e la cittadinanza a Ponte Vecchio , nel cuore delle grazie artistiche della perla del rinascimento, non è più ammissibile e  per cui oggi due virtuosi cittadini hanno preso in mano la situazione   e hanno ripulito il fiume.

Ci chiediamo come sia possibile che la giunta, oltretutto interpellata attraverso lassessore Biti, rimanga impotente di fronte a questo orrore urbano.

Gli abitanti di Firenze hanno dimostrato in più occasioni di tenere alla cura e il decoro della propria città, al costo di attivarsi in prima persona e poichè Gaia Checcucci, presidente dell’Autorità di bacino, dichiara che «non è un bello spettacolo a vedersi dalle spallette del Lungarno, ma le alghe non sono una priorità», perchè allora non si interpella ufficialmente la cittadinanza, organizzando una bonifica del fiume , con volontari  lavoratori pronti a ripulirla?

Con minima spesa (un coordinatore e un paio di figure  esperte per eventuali problematiche) la giunta non potrebbe che  farci un figurone.