proteste__turchia

A Istanbul si combatte. A Atene si muore. Invece a Palazzo Vecchio?

Comunicato politico 16 giugno 2013.

A Istanbul si combatte. A Atene si muore. Che cosa accade invece a Palazzo Vecchio?

grecia-fame

A Istanbul si combatte per la libertà: esprimiamo solidarietà ai resistenti e alle comunità turche che risiedono nella nostra città e partecipano con dolore a quanto accade nel loro paese.

A Atene si muore per la distruzione del lavoro e della sanità. Neppure i diritti dell’infanzia appaiono tutelati.

A Firenze, già culla di una cultura cosmopolita, città-mondo solidale ancora ai temi dell’amministrazione La Pira, capitale culturale legata da ragioni storiche e simboliche a Istanbul e Atene, l’amministrazione è del tutto incapace di pronunciarsi su temi che non siano miseramente demagogici e locali. Questa amministrazione mente alla città e dissimula la propria inazione.

L’amministrazione di Matteo Renzi ha trasformato la cultura in uno sfoggio di opulenza classista e provinciale, negandola come pratica di cittadinanza. Ha concesso ai privati ogni iniziativa, curando clientele, rifiutando ogni trasparenza nell’assegnazione di incarichi, accollandosi costi e lasciando profitti. Ha trasformato i CdA delle Fondazioni in club privati di affaristi ben remunerati, al servizio di un unico candidato. Ha patteggiato con i più logori oligarchi romani del PD il destino della città, scambiando appoggi in cambio di sostegno per la liquidazione delle più importanti istituzioni culturali cittadine. Ha procurato una versione distorta di eredità culturale e patrimonio lanciandosi in campagne dilettantesche e fallimentari, come la ricerca del “Leonardo perduto” a Palazzo Vecchio o la “costruzione” della facciata della chiesa di San Lorenzo. Si è disinteressata ai temi dell’istruzione, e ha trascurato gli arredi urbani e i luoghi per piccoli e anziani. Ha fallito miserevolmente nei progetti infrastrutturali, e nell’impiego di risorse comunitarie.

Sarebbe semplice, se inseguissimo la mera denuncia o la facile denigrazione, contestare l’inettitudine di un’amministrazione oggi indagata per sordidi traffici sessuali condotti all’interno del mura di Palazzo Vecchio. Basta questo per rivelare quanto ai vertici cittadini prosperino costumi di arroganza, indisciplina, privilegio, incuria del bene comune. E’ oggi ragionevole temere, come cittadini, di essere ostaggio di un’amministrazione collusa e ricattabile, dagli appetiti illegittimi e ingordi, saziati da non sappiamo chi e a quale prezzo per la collettività.

M5S sceglie di lasciare alla magistratura l’accertamento degli illeciti, e di non cavalcare un’indignazione scandalistica e prepolitica. M5S intende invece contestare già adesso la piena inadeguatezza etico-politica di amministratori opportunisti, ambiziosi e mediocri.

M5S è un movimento politico impegnato a immaginare un futuro di equità e giustizia. Oggi M5S tiene a ricordare la vocazione planetaria di una città che ha saputo contribuire alla storia del mondo, e che è patria di tutti coloro credano nell’ingegno, nella giustizia, nella libera parola, nella sfida, nella fioritura individuale e comunitaria, nella partecipazione civile, nella trasparenza e nella solidarietà.

In questo senso esprimiamo la più tagliente condanna di un’amministrazione irresponsabile e incapace, che non governa la città né mostra di avere a cuore la comunità dei cittadini. Asserve invece l’una e gli altri a una campagna elettorale permanente di cui non si vedono beneficio comune né fine.

m5s-firenze

MoVimento 5 Stelle Firenze
Sito: www.firenze5stelle.it  Mail: email hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is requiredemail hidden; JavaScript is required
Mobile: +39.333.467.6.467

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *