Archivio mensile:novembre 2012

Calenzano: la prevaricazione della politica

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=Guin-uXvXAk]

 

Il MoVimento Toscana 5 Stelle denuncia il grave episodio avvenuto sabato 10 novembre a Calenzano, in provincia di Firenze, dove un gruppo di attivisti impegnati a raccogliere le firme per una proposta di legge popolare sono stati allontanati dalle forze dell’ordine per improvvisa revoca del permesso di occupazione del suolo pubblico, nonostante fosse in regola e formalizzata con largo anticipo.

Oltre ad esprimere piena solidarietà al MoVimento 5 Stelle di Calenzano,  ci aspettiamo al più presto delucidazioni su siano le reali cause di tale provvedimento e perchè sia  stata revocata l’autorizzazione,  sembra infatti che la revoca sia stata effettuata in seguito alle proteste  di  alcune forze politiche locali. Ricordiamo a tal proposito che la raccolta allestita, era finalizzata all’introduzione nello statuto del comune di Calenzano della forma referendaria priva di quorum deliberativo.

Uno strumento cioè al servizio della cittadinanza,  che inserisce elementi di partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica della comunità locale, e che forse è  stato visto come un  attacco ai forti interessi partitici locali

Se così fosse,  la legge ed il diritto sarebbero state  piegate alle ragioni della prevaricazione politica e un organismo comunale indipendente sarebbe stato asservito alle logiche di potere.

In attesa di comprendere tale atto quindi, ricordiamo a tutti che la libertà di manifestare o di promuovere iniziative di carattere politico, è un diritto sancito dalla nostra costituzione, inviolabile, e sottoposto al massimo rispetto dalle autorità competenti.

 

Gruppi della Toscana aderenti al MoVimento 5 Stelle

 

 

 

Ascolto e dialogo il fondamento della Democrazia

I cittadini del MoVimento 5 Stelle Firenze esprimono completa solidarietà ai residenti del quartiere dell’Oltrarno e del Centro storico che ieri erano presenti insieme a noi in Consiglio Comunale.

Riteniamo i piani del parcheggio sotterraneo in piazza del Carmine e piazza Brunelleschi  mere opere di speculazione finanziaria che non gioverebbero al quartiere e non garantirebbero oltretutto neanche i posti di sosta gratuiti per i residenti.

Diciamo no  anche all’atteggiamento del vicesindaco Nardella, posto di fronte alla protesta delle persone esasperate da tale scelleratezze edilizie . Oltre a delle spiegazioni esustive e forse meno retoriche, in futuro ci aspettiamo sicuramente dalla seconda carica comunale  un atteggiamento più istutuzionale.

E anche se ci rallegriamo che sia passato l’ordine del giorno che prevede  un percorso di partecipazione sui progetti presentati, riteniamo che ciò non possa e non debba bastare e, ci chiediamo preoccupati, se nell’eventualità che il sindaco Renzi vinca le primarie e lasci  il Comune in affidamento al vicesindaco,  sia per caso questo il tenore con cui le istituzioni di Firenze verrebbero traghettare il Comune fino alle prossime elezioni.

Noi cittadini del MoVimento 5 Stelle riteniamo l’ascolto e il dialogo con i cittadini un fondamento della Democrazia , che debba attuarsi come azione preliminare e costituente la proposta stessa delle azioni politiche, e non come ripiego da effettuarsi in extremis e solo in seguito a azioni di protesta conclamate.

A conferma di ciò invitiamo tutti i cittadini dello storico rione fiorentino Giovedì 15 Novembre  in Via Campo D’arrigo 40/42 rosso, dove terremo una riunione proprio sui problemi della zona e dove chiunque potrà partecipare per dire la sua.

MoVimento 5 Stelle Firenze

 

Il provocatore si confronti nelle istituzioni !

Noi cittadini del MoVimento 5 stelle Firenze, vorremmo rispondere  all’ultima provocazione mediatica lanciata da Matteo Renzi, a proposito di un ipotetico confronto in  tv con Beppe Grillo. 

Innanzitutto ci sembra doveroso chiarire, che l’interlocutore più appropriato a cui rivolgersi sia il MoVimento stesso e tutte le anime che lo compongono.

Il  noto blogger  genovese di fama internazionale, per quanto sia da noi stimato,  diffondendo  i nostri principi dal suo visitatissimo sito, ha esclusivamente la funzione di illumininare grazie alla sua popolarità tutte le nostre iniziative.

Detto questo, crediamo  che piuttosto che con la  tv,  forse il sindaco di Firenze dovrebbe avere come prima preoccupazione quella di  confrontarsi  con le interrogazioni di attualità  che  giacciono senza sua  risposta in Consiglio Comunale, per esempio quella che chiede se ci siano o meno  infiltrazioni di criminalità organizzate negli appalti delle opere fiorentine, e che dopo due anni e mezzo di attesa adesso è un vero e proprio esposto alla procura.

Detto questo, se il candidato premier rignanese punta realmente a un confronto con il MoVimento 5 stelle , potrebbe iniziare a rispondere alle richieste di chiarezza  che i cittadini del MoVimento di Firenze hanno avanzato a lui e alla sua giunta,  attraverso i  numerosi comunicati stampa e i post emessi sul nostro blog durante tutto il suo mandato. 

Non aspettiamo altro.