Silvia Noferi

No Mac Donald’s al Duomo.

No al Mc Donald in piazza del Duomo, Silvia Noferi (M5S): “Il PD cambia idea”

“Oggi abbiamo ascoltato in aula un Sindaco concorde con l’opposizione. Il Sindaco – racconta la consigliera del Movimento 5 Stelle Silvia Noferi – ha fatto proprie tutte le tematiche che sono state ripetutamente sollevate dai banchi dell’opposizione riguardo alla tutela dell’identità storico-artigianale della nostra città. Ha dichiarato di essere nettamente contrario all’insediamento di un negozio Mc Donald in piazza Duomo e che farà tutto il possibile per impedirlo. Il nuovo Regolamento per il decoro urbano varato recentemente in seguito alla richiesta di chiarimenti di Unesco, gli dà in effetti maggiori strumenti. Ma come, straordinariamente, ci siamo trovati in accordo con il Sindaco molto meno con i consiglieri della sua maggioranza che hanno osannato come soluzione di tutti i mali questo regolamento, “una lotta di civiltà” secondo alcuni.
“Uno strumento che ha saputo dare un esempio per tutto il Paese su come si fronteggia il turismo di massa”.
Con l’approvazione del nuovo Regolamento i colpevoli sono stati trovati nel proliferare di minimarket e la coscienza degli amministratori ha trovato pace ma, sinceramente, noi del M5S, non ci siamo accorti di grandi cambiamenti nella lotta al degrado a Firenze.
La città è in ginocchio e non solo per il crollo di Lungarno Torrigiani, che ormai è passata in secondo piano, ma per la quantità di venditori abusivi che cercano di vendere di tutto ai turisti (anche e soprattutto in piazza Duomo), per i borseggiatori, per la pavimentazione tutta sconnessa delle piazze del centro, per la mancanza pressoché totale di bagni pubblici nonostante un flusso turistico di dimensioni enormi che cannibalizza la città, per la chiusura dei negozi tradizionali che lasciano il posto alle multinazionali. Non ci siamo accorti della tutela dell’identità storica fiorentina ma anzi abbiamo assistito allo spostamento dei più importanti mercati storici, quello di San Lorenzo e dei Ciompi; abbiamo visto svilire i luoghi più cari ai fiorentini, come piazza Signoria che viene ripetutamente riempita di statuette dorate in nome dell’arte contemporanea (mentre vengono rimosse le statue di Clet dai Lungarni) o la statua del David coperta dalla bandiera britannica per dare un aiutino al referendum sul Brexit.
Il Sindaco – conclude la consigliera del Movimento 5 Stelle Silvia Noferi – ha chiesto collaborazione per affrontare il problema del degrado, non si capisce come, visto che bocciano tout-court tutti gli atti di proposte che l’opposizione presenta, forse dovremo rivolgerci a qualche appello via change.org visto il suo improvviso cambiamento di rotta dopo le 13.000 firme raccolte dall’ultima petizione”. (s.spa.)

27/06/2016

Silvia Noferi

volantini_terra.jpg.pagespeed.ce.tNvnY60NOn

Intenti da M5S

I candidati consiglieri del Movimento 5 Stelle fiorentino hanno scelto democraticamente di non pubblicizzare la loro candidatura con gli usuali mezzi di propaganda, ma adottare mezzi di pubblicità collettivi, sia cartacei che on-line, al fine di promuovere gli INTENTI del Movimento e non i singoli individui.

Il Movimento 5 Stelle di Firenze disconosce e non autorizza gli eventuali episodi  di promozione personale che rimarranno di esclusiva responsabilità dei singoli.

areoporto

Ambiente VS Aeroporto

Aeroporto, tanti dubbi ed una sola certezza: i bisogni dei cittadini vengono ignorati.

Il MoVimento 5 Stelle di Firenze è sempre favorevole nell’appoggiare iniziative che vadano verso una maggiore offerta di servizi per i cittadini nel rispetto dell’ambiente e con costi sostenibili.

Purtroppo la questione Aeroporto non va in questa direzione!!!

La nuova pista infatti consentirebbe l’atterraggio di aerei più grandi, con maggiori impatti a livello ambientale ed acustico sugli abitanti della piana, e con costi enormi di realizzazione a carico della collettività. Da quanto si evince dalle dichiarazioni di Marco Stella http://www.ilsitodifirenze.it/content/927-fi-potenziare-laeroporto-di-firenze-renzi-sblocchi-la-situazione e dai comunicati di ADF, ci sarà anche un raddoppio del numero dei voli, tali da avere secondo le mire industriali della società di gestione, un volo ogni 5 minuti circa, con linee che collegherebbero Firenze con  Mosca, Istanbul e il medio Oriente. Tale situazione farebbe venire meno le considerazioni inserite nel PIT dalla Regione Toscana che puntava ad un city airport per Firenze. Ci rammarica leggere affermazioni di tale portata dove la politica e i politici locali incuranti della sicurezza dei cittadini e della pericolosità di un aeroporto a ridosso di un’area così urbanizzata, chiedono un acceleramento nella realizzazione.

I cittadini in tale scenario, ancora una volta, occupano  un ruolo di secondo piano per il PD,  Forza Italia e tutti gli altri che appoggiano tale opera a discapito della cementificazione di un’area che rappresenta uno degli ultimi polmoni verdi della Piana.

Vorremmo ricordare inoltre, che la zona dove verrebbe realizzata la nuova pista, è un’importante riserva naturalistica, con aree già protette dal WWF, dove vivono e nidificano diverse specie di volatili di medie dimensioni (gabbiani, aironi, ecc..), i quali potrebbero provocare fenomeni molto rischiosi come l’impatto con i volatili (il cosiddetto Bird Strike), non propriamente una garanzia per la sicurezza dei voli e per la specie presenti.

I gabbiani in particolare sono  presenti nell’area della discarica di Casa Passerini, divisa dal resede aeroportuale  dall’autostrada A11.

Un domanda sorge spontanea: nessuno ha  pensato a potenziare i collegamenti ferroviari, garantendo sulla tratta Firenze SMN-Pisa Aeroporto e viceversa percorrenze in 45/50 minuti, con i turisti che arriverebbero direttamente nel centro del capoluogo toscano?

Sarebbe più giusto investire i fondi statali destinati a finanziare questa distruzione dell’area in opere necessarie sul territorio?

I cittadini si pongono questo problema, ricordando che il territorio non è un bene riproducibile, ma una risorsa da preservare per le future generazioni.

La politica, ancora una volta, detta soluzioni incuranti dei reali bisogni dei cittadini, dimostrando una volta di più un bisogno di cambiamento forte e  radicale in questa città.

A decidere del futuro dei cittadini DEVONO essere i cittadini stessi, non una classe politica fondata sul privilegio ed il mantenimento della poltrona!

I partiti sono avvisati, presto i cittadini non potranno essere più ignorati.

#vinciamonoi

Manifestazione ludoteca giardino Nidiaci gennaio 2014

M5S Firenze: sul Nidiaci, il Comune manterrà gli impegni presi?

Intanto i cittadini manifestano per gli impegni che il Sindaco Renzi non mantiene.

Il M5S è accanto ai Cittadini che nel quartiere di San Frediano difendono lo spazio pubblico del Giardino e Ludoteca NIDIACI.

    La questione ampiamente discussa anche in consiglio comunale questa estate, ha portato ad  approvare una Mozione di impegno per il Comune ad acquisire l’immobile divenuto di interesse pubblico. “Ludoteca di Via della Chiesa e di metà giardino, dopo che il complesso era stato acquistato nel 1920 con soldi della Croce rossa Americana per destinarlo all’infanzia del rione non ha confini (o almeno non dovrebbe avere…) di “orticelli” politici o pseudo… è un problema che riguarda tutto l’Oltrarno, indistintamente.

“E’ uno scandalo la situazione che si è venuta a creare, ed è “assai disdicevole” che il Sindaco non mantenga le promesse fatte pubblicamente per il recupero dell’area (locali Ludoteca e giardino)”. Questo è quanto affermano dal “Comitato Oltrano Futuro e l’associazione Amici del Nidiaci”.

    Oggi pomeriggio si è svolta la manifestazione/corteo con ritrovo in Via della Chiesa 48 davanti alla Ludoteca.

    Sosterremo la difesa di questo importante spazio vitale per la vita socio-ricreativa dell’infanzia nel quartiere.